Volkswagen Tuareg

Comunicato stampa Associazione Italiana Allevatori (A.I.A.): Il Sistema Allevatori alla 121esima "Fieracavalli" Verona

La partecipazione di A.I.A., delle associate territoriali e di razza all'edizione 2019 della manifestazione equina in programma a Verona da giovedì 7 a domenica 10 novembre prossimi ripropone il meglio dell'allevamento nazionale di cavalli ed asini.

Apertura con la Vetrina Nazionale Biodiversità del Cavallo Agricolo Italiano da Tiro Pesante Rapido, l´81esima Mostra nazionale di Lg dell´Haflinger Italia, le dimostrazioni attitudinali e spettacolari del CaitprShow, dell´HafligerFolie, del Bardigiano, del Maremmano, del Norico, del Murgese ed il Carosello Italiano con tutte le razze presenti simbolo della nostra biodiversità.


A Verona, da giovedì 7 a domenica 10 novembre 2019 torna l’appuntamento più importante dal punto di vista tecnico ed espositivo per l’allevamento equino italiano. Nella città scaligera A.I.A. e il Sistema Allevatori nazionale partecipano alla 121esima edizione della “Fieracavalli” al Padiglione 10 del quartiere fieristico di Veronafiere  con un programma articolato e spettacolare, con nuove formule e l’accento sulla ricca biodiversità dei cavalli ed asini allevati nel nostro Paese.


Saranno quattro giornate intense che, come ormai da più di un quarto di secolo – ventisett’anni per l’esattezza – animeranno lo spazio dedicato alla divulgazione e promozione delle produzioni equine italiane nel Padiglione A.I.A.-Italialleva, per tradizione tra quelli maggiormente frequentati dalla folla di spettatori che assisteranno alle diverse iniziative di taglio tecnico-dimostrativo ed alle attività didattiche e spettacolari presentate dal Sistema Allevatori nazionale.


Nuova formula quest’anno a Verona, dopo oltre ottanta anni, per il momento tecnico riservato all’equino “di casa”, il Cavallo Agricolo Italiano da Tiro Pesante Rapido (Caitpr), che in questa edizione presenta nel Ring B  la propria Vetrina Nazionale della Biodiversità, dopo aver celebrato la Mostra di Libro Genealogico a metà giugno in Emilia-Romagna, altra culla “storica” per la razza assieme al Veneto. Vetrina della biodiversità che, a “Fieracavalli”, riguarda tutti gli equidi di razze italiane in mostra.


La presenza delle razze appartenenti ai rispettivi Libri Genealogici – alla ribalta sia singolarmente nel Ring A  e sia nel “Carosello Italiano” condotto da Nico Belloni - , oltre che dal Caitpr è rappresentata dall’Haflinger Italia (che celebra a Verona anche la sua 81esima Mostra nazionale di Libro Genealogico e il 23° Raduno Nazionale Stalloni), dal Maremmano, dal Bardigiano, dal Norico, dal Murgese e dal Lipizzano.


In più, tra i 250 capi equini presenti, a testimonianza della ricca biodiversità del patrimonio equino italiano, saranno in vetrina diverse razze di cavalli ed asini autoctoni italiani, simboli dei vari territori, iscritte al Registro Anagrafico: si va dai tre magnifici cavalli campani, il Salernitano, il Persano ed il Napoletano, portati dall’Ara della Campania (Arac), al molisano Pentro, dall’emiliano Cavallo del Ventasso, ai “laziali” Pony di Esperia e Tolfetano, fino al piemontese Merens, all’umbro-marchigiano Cavallo del Catria, al toscano Monterufolino, ai siciliani Sanfratellano e Purosangue Orientale (quest’ultimo non appartenente a R.A.).


Nutrita anche la rappresentanza asinina, con il pugliese Asino di Martina Franca, i sardi Asinara e Sardo, i siciliani Ragusano e Pantesco (o Asino di Pantelleria), questi ultimi in esposizione a “Fieracavalli” (così come i Sanfratellani e i Pso) grazie alla Regione Sicilia.


A Verona, proseguiranno come consuetudine le sinergie con altre Istituzioni: dalla presenza, dalla Capitale, di una rappresentanza dell’8° Reggimento di cavalleria dei Lancieri di Montebello, alla dimostrazione di utilizzo dei cavalli e pony italiani in lavoro di pattugliamento dei territori (Carabinieri Forestali) ed altre attività anche a carattere sociale.



Convegni, incontri e altre iniziative


Di queste ultime si tratterà in due distinti appuntamenti: uno convegnistico, dedicato agli asini, in programma per il pomeriggio di venerdì 8 novembre in Sala Rossini (hh. 14.15/18 ), nel quale a proposito di multifunzionalità si affronterà il tema degli Interventi Assistiti con Animali (TAA e EAA); un’altra iniziativa, che vedrà la sua conclusione in una tappa presso il Ring A  del Padiglione 10 di A.I.A., sempre nel primo pomeriggio di venerdì 8 novembre, vedrà accolti e premiati al termine del loro viaggio di quattro giorni attraverso tre province – Modena, Mantova e Verona – una rappresentanza dei sei equipaggi di conduttori “paradrivers ” equipaggiati con cavalli italiani in biodiversità attaccati a carrozze: una dimostrazione di attenzione verso la continuazione di attività a favore della integrazione e valorizzazione del rapporto tra mondo dei cavalli e disabilità, intraprese già da diverse edizioni di “Fieracavalli” Verona.


“Quando si parla di biodiversità , multifunzionalità  e sostenibilità  in zootecnia, il panorama dell’allevamento equino italiano – afferma il direttore generale A.I.A. Roberto Maddé – è quanto di più rappresentativo e significativo possa esserci.


Attorno al nostro mondo del cavallo ruotano e si intersecano, infatti, aspetti legati all’azione di miglioramento e conservazione delle razze, all’impiego degli animali in più discipline (turismo, sicurezza, salute e benessere psicofisico dell’uomo e del paziente in riabilitazione, sport, divertimento, tempo libero) e che abbracciano più settori (ambiente, economia, cultura). Un patrimonio ineguagliabile e inestimabile del nostro Paese”.

Redazione
Fonte: A.I.A: Associazione Italiana Allevatori

Commenti

ALLEVAMENTO: leggi anche...

INSTAGRAM TAKİPÇİ SATIN AL UCUZ twitter TAKIPCI AL elektronik sigara likit