EcoPlus

Cuts riapre il sipario

Il 19 e 20 maggio 2018 si è tenuta la 21esima edizione del più grande appuntamento annuale degli attacchi di tradizione: André Grassart ci fornisce un resoconto dettagliato dell'evento

_2017/gia_cuts.jpg
Gregorio Aranda Lamas (ESP) con Coach Coupè Cesare Sala attaccato a 4 cavalli spagnoli si prepara per lo Stop, primo PC della Routier. _2017/gia_cuts_2.jpg
Fiorenzo Erri (ITA) con Curricle a Pompe Cesare Sala in Pariglia di KWPN verso il terzo giudizio in Presentazione. _2017/gia_cuts_3.jpg
Jacinto Planas Ros (ESP) con Break de Chasse Cesare Sala e attacco all´evèque durante la prova di Maneggevolezza. _2017/gia_cuts_4.jpg
Edouard Gohin (FRA) con Tandem Cart del 1910 e trotter Francesi, vincitore della Categoria Tandem.
L’anno 2017 è passato senza Cuts, una mancanza per tutti i guidatori europei. Il Concorso di Cuts è sempre stato il grande appuntamento annuale degli attacchi di tradizione. Quest’anno erano presenti undici nazioni, con una partecipazione limitata a 50 iscritti.
 
Il 2018, con la 21esima edizione, segna il riavvio di questo evento a cui non si può mancare. Personalmente, come guidatore, ho partecipato a volte con successo, molte volte in tandem e sempre con piacere alle prime 20 edizioni di Cuts. Quest’anno, i miei pony e io non eravamo pronti. Così ho deciso di posare le redini per vedermi finalmente questo concorso, che è difficile quando si gareggia. Tuttavia, Christian de Langlade mi aveva chiesto di officiare al PC del Bicchiere con un ex direttore del National Stud, Mr. Dupuiles. Quindi sono rimasto un po’ in “corsa”.
 
Racconterò dunque il mio primo Cuts a piedi. Si tratta di una scoperta che mi ha permesso di capire l’entusiasmo del folto pubblico, diverse migliaia, con un tempo asciutto soleggiato ma con una brezza fresca, ideale per il lavoro dei cavalli, che sono i re di Cuts per il pubblico Basta essere nel mezzo degli spettatori per rendersene conto. Anche questo è uno dei successi di Cuts. L’ho scoperto quest’anno, ascoltando le osservazioni scambiate fra gli spettatori durante la Presentazione o attorno al campo della prova di Maneggevolezza.
 
L’ARRIVO
 
Gli spagnoli sono arrivati giovedì dalla lontana Andalusia. Sono i primi a piantare la bandiera sul loro camion. A Cuts, i guidatori espongono i loro colori nazionali.
 
Arrivando, l’accoglienza è sempre amichevole. Gli abituè ritrovano il loro posto nel paddock e i loro soliti vicini. Non appena le tende e le postazioni sono montate, tavoli e poltrone sono fuori con le bottiglie e i bicchieri perché “il giro dei popotes” inizia.
 
Molte delle bevande offerte devono essere bevute con moderazione, ma numerosi dormono sul posto. A Cuts c’è uno shock visivo quest’anno. Il grande viale ombreggiato di alberi secolari è scomparso. Alberi malati, i cui enormi rami avrebbero potuto rompersi o anche peggio. La sicurezza ha prevalso, ma il viale era la via principale dei team durante tutta la gara. Dal venerdì, il percorso per la maneggevolezza viene preparato da Christian de Langlade. È un grande argomento di conversazione. Nel 2018, le porte 17 e 18 dopo il 16, furono spostate e fu necessaria una traiettoria perfetta per evitare i cinque punti che avrebbero potuto allontanarti definitivamente dal podio.
 
I PREPARATIVI
 
Venerdì e sabato mattina, è tempo di preparativi. I cavalli sono attaccati e vanno a fare una passeggiata per rilassarsi. A volte hanno finimenti da lavoro e persino una carrozza da addestramento per evitare di usare finimenti e carrozza da presentazione.
 
Altri guidatori montano o lavorano i cavalli a terra, il che è un ottimo modo per controllare i movimenti mentre rilassano cavalli, pony o asini. Vediamo anche alcuni guidatori provare il recupero delle redini e la frusta nella mano sinistra per liberare la mano destra in vista del saluto o rivedere l’arretrata, mantenendo i cavalli in equilibrio, in modo che retrocedano dritti e si fermino alla prima richiesta. Alcuni appassionati o amici vengono a scoprire tutto questo lavoro di preparazione. E’ proprio qui che vediamo che l’attacco di tradizione richiede grande serietà per ottenere un risultato efficace e contemporaneamente anche elegante e armonioso.
 
Venerdì sera, una cena riunirà funzionari, giudici, delegati tecnici e rappresentanti nazionali dell’AIAT presso il ristorante Golden Wood a Cuts. Inglese, tedesco, spagnolo, italiano e francese consentono scambi. È un po’ difficile passare dall’uno all’altro per partecipare a una conversazione europea. Ma ognuno fa uno sforzo e l’atmosfera è calda.
 
IL BRIEFING
 
L’attività inizia presto. I cavalli hanno mangiato, sono stati abbeverati e alcuni “docciati”. Molti hanno passato la notte protetti da una coperta per non sporcarsi.
 
Prima del briefing, i guidatori scopriranno o revisioneranno la maneggevolezza. Ci si confronta sulla traiettoria migliore perché alcune porte consentono due diverse traiettorie.
 
Nella tradizione, ci sono sia equipaggi con un pony, che equipaggi con grandi attacchi e bisogna disegnare un percorso di maneggevolezza adatto a tutti i tipi di attacco.
 
Quest’anno ci sono dieci categorie, una varietà che è una delle grandi attrazioni per il pubblico che vede continuamente differenti tipi di attacchi in movimento. Il briefing che si svolge in francese, inglese, tedesco e spagnolo consente a Christian de Langlade, che è anche il delegato tecnico, di chiarire i punti non completamente chiari.
 
Nel frattempo, gli stand sono sistemati accanto al ristorante e al punto dove è anche possibile pranzare. I vestiti e gli accessori vari sono di alta qualità. Ci sono anche artisti creativi che presentano dipinti, sculture, gioielli, ecc. Questa mostra di manufatti in vendita è parte del festival grazie alla qualità dei prodotti presentati.
 
LA PRESENTAZIONE
 
Tre giudici officiano, distanti l’uno dall’altro per non influenzarsi Raimundo Coral (ESP), presidente della Giuria, Gérard Papin (FRA) e Hartmuth Huber (D), La presentazione è un grande momento perché i giudici e i guidatori si scambiano domande e risposte e i giudici devono giustificare le loro note con osservazioni scritte. I commenti del pubblico indicano spesso competenza su ciò che si vede e nasce con i vicini una convivialità desiderata. La presentazione finisce, tutto deve essere ripristinato in perfette condizioni per il giorno della domenica.
 
La cena di gala si conclude sabato sera sotto il tendone. Le tavolate sono organizzate per far incontrare rappresentanti di diverse nazionalità tenendo conto delle lingue comuni parlate. L’attenzione ai dettagli è un successo dell’organizzazione di Cuts.
 
ROUTIER E MANEGGEVOLEZZA
 
La strada è una bellissima passeggiata nella campagna che attraversa villaggi e borghi. È variata con alcuni saliscendi per valutare l’allenamento dei cavalli per circa il 25% del percorso. Su 46 equipaggi presenti, 20 lo hanno concluso nel tempo assegnato alla loro categoria e senza alcuna penalità nei PC. Una prova della buona preparazione in particolare per adattare il loro attacco alla configurazione del terreno: salite, discese, stato del terreno ...
 
Durante il percorso, nelle aree abitate, sedie e tavoli hanno permesso agli abitanti di godere appieno lo spettacolo e incoraggiato gli equipaggi con applausi. La sosta del mezzogiorno ha permesso di mettere tutto in ordine prima della Maneggevolezza.
 
Può sembrare facile, ma gli orientamenti delle porte sono ben esaminati per decidere il percorso da scegliere. Il risultato conferma questo disegno molto tecnico: solo 8 percorsi senza abbattimenti e senza penalità sul tempo e 6 netti ma con penalità sul tempo, i guidatori hanno scelto di rallentare il passo per una maggiore sicurezza nel passaggio delle porte.
 
CERIMONIA DI PREMIAZIONE
 
Il giro d’onore di tutti gli equipaggi è stato superbo supportato dalla musica, scandito dagli applausi del pubblico. Ma quello che rimarrà di questo 21° Cuts, sono gli attacchi rari, come questi 4 equipaggi attaccati all’eveque o a Winchester (vedi approfondimento a piede dell'articolo).
 
Jacinto Plana Ros (Spagna) è il primo della categoria, ma è anche primo assoluto, seguito in entrambi i casi da una giovane polacca Justyna Pazyborowska. Urbain Van de Voorde, anche lui all’eveque, è al quinto posto assoluto. La 21esima edizione del CIAT di Cuts è stata dominato dagli attacchi con tre cavalli affiancati. Per quanto riguarda Jacinto Plana Ros, ha anche vinto il Premio di Presentazione.
 
Erano presenti quattro tandem. Edouard Gohin, con un nuovo leader, Risuona la Marsigliese per il suo primo posto in questa. I guidatori francesi erano presenti in 15 sui 17iscritti, una bella partecipazione.
 
Solo dodici guidatori totalizzano meno di 10 da tutti e tre i giudici. Il livello degli equipaggi era eccezionale, il che rendeva i giudici molto esigenti.
 
Non era il momento di avere un cavallo non agli ordini o un finimento con difetti o sviste. Ma questo è il gioco delle competizioni di Tradizione e un gioco è divertente per tutti. Antoinette de Langlade è stata padrona di casa presente ed efficace per questa nuova edizione come Chantal e Alaric de Murgha, i proprietari del posto.
 
Il successo di Cuts è anche di 200 volontari e 50 membri d’equipaggio di tutta Europa che hanno preparato cavalli, carrozza, imbragature per questo evento unico.

Winchester o a l’évêque
 
Una categoria è apparsa in Cuts: Winchester. Niente a che vedere con il famoso fucile 30x30, dei cowboy. Questo è un riferimento al vescovo di questa città inglese. Povero ecclesiastico senza titolo nobiliare, si appropriò della carrozza a tre cavalli affiancati per imporsi nella gerarchia del protocollo equestre. Fu vescovo di Winchester da cui il nome. Per i laici rimane la dimostrazione della selleria francese di Lene: attacco con 3 cavalli affiancati.


Photo credits: Alain Martin- Pixel Visuel, Emanuela Brumana

Redazione
Fonte: André Grassart
GIA - Notiziario 3/2018

Commenti

ATTACCHI: leggi anche...