EcoPlus

Risuona l'inno svizzero

Gli svizzeri Albert Sporrädli, Christoph Holestein ed Edwin Bürge-Sutter al CIAT La Venaria Reale sono saliti sul gradino più alto del podio delle rispettive categorie: il report di Ariane Bertrand, collaboratore della Revue Hippique le Cavalier Romand à Lausanne

_2017/gia_risuona_inno_svizzero_venaria_reale_1.jpg
Premiazione per la Categoria Singoli: Albert Sporrädli (CH) al centro, Heiner Staub (CH) a dx ed Ermete Dognini (ITA) a sx. _2017/gia_risuona_inno_svizzero_venaria_reale_2.jpg
Elio Campagna durante la Routier. _2017/gia_risuona_inno_svizzero_venaria_reale_3.jpg
Ruth Wunderlin-Messmer durante la Routier. _2017/gia_risuona_inno_svizzero_venaria_reale_4.jpg
Christa Schärer durante la Routier. _2017/gia_risuona_inno_svizzero_venaria_reale_5.jpg
Chistophe Holenstein, con il suo Phaeton Siamese di fine 800, vince la Categoria Pariglie. _2017/gia_risuona_inno_svizzero_venaria_reale_6.jpg
Edwin Bu?rge-Sutter durante la Prova di Presentazione.
“Bravo,Bravissimo!!” ad Albert Sporrädli, Christoph Holestein e Edwin Bürge-Sutter che ci hanno fatto battere il cuore perché sono saliti tutti e tre sul gradino più alto del podio nelle loro categorie, rispettivamente quella dei Singoli, delle Pariglie e dei Tiri a 4 nella V edizione del CIAT La Venaria Reale. A questi guidatori eccezionali va un grande ringraziamento per i meravigliosi momenti di emozione e gioia che ci hanno regalato.
 
La squadra svizzera, così acclamata quest’anno, era composta da 7 attacchi e Albert Sporrädli ed Heiner Staub entrambi erano alla guida del loro klappbreak attaccato a un singolo French Montaigne. Come non menzionare Ruth Wünderlin-Messmer in costume di Berna ed Elio Campagna, con i quali restiamo nella tradizione del Break campestre, quello di Elio Campagna costruito nel 1890 a Langenthal. Per quanto riguarda Christa Schärer, si è presentata con un elegante veicolo a due ruote, un Gig inglese spesso usato per le passeggiate al parco o in campagna.
 
Sottili dettagli negli abiti del guidatore-passeggero armonizzati con il colore delle ruote dell’auto: questa è classe! Ecco sotto i riflettori i nostri eroi di un fine settimana pressoché regale: Heiner Staub, secondo dopo Albert Sporrädli nella Categoria Singoli. Alla guida dei loro cavalli hanno chiuso senza penalità i 13,6 chilometri di Routier, così come il percorso di Maneggevolezza disseminato di coni nel parterre dell’imponente Palazzo Reale: il primo inno nazionale Svizzera risuona!
 
Poi con la pariglia Christoph Holestein, grazie alla precisione dei suoi eleganti cavalli pezzati grigi nei Passaggi Controllati della Routier, domina la prova. E di nuovo l’inno nazionale della Svizzera!
 
Cocchiere di un imponente Tiro a 4, Edwin Bürge-Sutter presenta un Landau a 8 molle molto elegante e confortevole. Fu costruito a Londra intorno al 1860. Una delle carrozze più antiche che hanno attraversato i viali di Venaria Reale. Un abituè del concorso La Venaria Reale, Edwin Bürge-Sutter ci regala un a prova di Maneggevolezza senza errori, nonostante L’imponenza della sua carrozza. Risultato: s’impone su tutti i team a 4. E l’inno nazionale svizzero risuona per la terza volta grazie a lui. Danke! 
 
Ecco alcuni piccoli dettagli interessanti sui “ nostri tre svizzeri”. Sono tutti amici di lunga data della regione di San Gallo. I bellissimi cavalli grigi del signor Holestein provengono dalla sua stessa scuderia, dove sono stati montati e attaccati. Per quanto riguarda il signor Sporrädli, gli piace essere il primo. Gli piace particolarmente fare gare in Italia e se non ha un groom disponibile, non si preoccupa, Emanuela ne trova sempre uno per lui! Guida anche in pariglia.
 
Edwin Bürge-Sutter, in linea di principio si presenta sempre con sua moglie e suo figlio. Entrambi non erano disponibili per questa edizione di Venaria, altri amici hanno preso volentieri il loro posto e ha funzionato al “top”!
 
Per quanto riguarda questo bellissimo Landau, già vettura di rappresentanza dello Sceriffo del Cardiffshire, dopo averlo acquistato nel 1984 in pessimo stato, nell’agosto del 1988 fu completamente restaurato, proprio per il giorno del loro matrimonio!
 
E per la cronaca, i Bürge-Sutter tengono i cavalli a casa, si prendono cura di loro stessi e quando vanno in vacanza, è molto semplice, prendono anche i cavalli e vanno a scivolare in slitta a Davos!
 
Photo credits: OKfoto, Massimo Sardo, Giovanni Vitale

Redazione
Fonte: Ariane Bertrand
GIA - Notiziario 3/2018

Commenti

ATTACCHI: leggi anche...