Nord Piave

Un passo avanti verso il benessere degli animali, il comune di Rho approva nuove modifiche al Regolamento Tutela Amimali

La LAV di Rho plaude la scelta che porterà a maggiori tutele per animali
dei circhi

lav-rho-1.jpg

La scorsa settimana il Consiglio Comunale di Rho ha approvato all’unanimità alcuni emendamenti al Regolamento Comunale per la tutela degli animali relativamente alla detenzione degli animali presso i circhi.


Il Comune ha infatti voluto recepire le “Linee Guida per il mantenimento degli animali nei circhi e nelle mostre itineranti” emanate dalla Commissione Scientifica
CITES del Ministero dell’Ambiente.


L’intento dietro a queste modifiche è quello di garantire un maggiore benessere per gli animali con  l’inserimento di alcune  norme  che riguardano l’identificabilità degli animali , la pulizia, le esibizioni al di fuori dalla struttura, la somministrazione del cibo e soprattutto la limitazione al parco animali: con il divieto di attendamento per circhi con al seguito specie “incompatibili con la detenzione in una struttura mobile” e ha introdotto precisi parametri per la detenzione delle altre specie non
oggetto di divieto.


La LAV di Rho esprime grande soddisfazione per questa scelta del Comune,certamente in linea con la sempre maggiore sensibilità del pubblico. Nel sondaggio EURISPES 2016 è infatti il 71,4% degli italiani a schierarsi contro al circo con animali.


“Vogliamo ringraziare il Comune per questa decisione, per di più presa in modo unanime dal Consiglio Comunale – dichiara Daniela Stancich,Responsabile della Sede territoriale LAV di Rho – che ribadisce il diritto di ogni animale ad un’esistenza dignitosa e a veder rispettate le proprie esigenze etologiche”.


E proprio sul tema delle esigenze etologiche degli animali nei circhi si sta esprimendo, in modo sempre più deciso, anche il mondo scientifico.
Recentemente, infatti, anche la Federazione Europea dei Veterinari ha preso posizione sull’argomento, stabilendo che” i comportamenti istintivi e i bisogni naturali” dei mammiferi esotici “non possono essere soddisfatti in un circo itinerante; soprattutto in termini di alloggi e di rispetto alla possibilità di esprimere comportamenti normali” arrivando quindi a raccomandare a “tutte le autorità Europee competenti di proibire l’utilizzo di mammiferi esotici nei circhi in quanto non vi è affatto la possibilità che le loro esigenze fisiologiche, mentali e sociali, possano essere adeguatamente soddisfatte.“


“Nell’attesa di una normativa nazionale, ci auguriamo che il Comune di Rho venga presto preso a modello – conclude Daniela Stancich – e che anche altre Amministrazioni vogliano seguire questa scelta di civiltà”.

Redazione
Fonte: Sede Territoriale Lav Rho

Commenti

ANIMALI: leggi anche...