Equidomus
CARAVAGGI SRL: MACCHINE INDUSTRIALI<br />Trincia Paglia: Il giaciglio ideale per il cavallo

CARAVAGGI SRL: MACCHINE INDUSTRIALI
Trincia Paglia: Il giaciglio ideale per il cavallo

- Assorbe meglio della paglia lunga
- I cavalli giacciono sul morbido e sull´asciutto
- Molto meno letame e più pregiato

FOTO1.jpg FOTO2.jpg FOTO3.jpg

La nostra azienda opera da molti anni nella costruzione di Biotrituratori, Cippatrici, Macchine per compostaggio ed altre applicazioni speciali fornendo una vasta gamma di modelli per tutte le esigenze. Gli uffici e lo stabilimento produttivo si estendono su un'area complessiva di circa 17.500 m² entro i quali si svolgono le fasi di progettazione, costruzione e collaudo dell'intera gamma di prodotti.
 

LA PAGLIA NON È SEMPRE PAGLIA
La paglia ha per i cavalli degli effetti positivi sulla digestione.
Una qualità eccellente è tuttavia di estrema importanza.

(tratto da: Badische Bauern Zeitung)

Negli allevamenti di cavalli servono all’incirca 10 kg di paglia al giorno per ogni cavallo. Questo significa un fabbisogno annuo di ca. 3,5 t paglia per cavallo.

La paglia è un eccellente materiale per lettiera, è inoltre un sano alimento complementare fisiologico nutrizionale per la razione giornaliera. Per la lettiera è molto adatta la paglia di grano e segale. la paglia dell’orzo è meno adatta, in quanto le reste lunghe nella paglia possono causare ferite agli occhi dell’animale. Come paglia da foraggio possono essere utilizzati tutti i tipi di paglia.

Abitualmente comunque si usa per lo più la paglia di grano o di avena. La paglia favorisce l’attività intestinale La paglia utilizzata come alimento complementare favorisce in particolar modo il mantenimento dell’attività intestinale. Vengono conservate le condizioni fisiologiche nell’intestino grasso, l’alto contenuto di fibra grezza causa una veloce sensazione di sazietà. Inoltre stimola la masticazione, la produzione della saliva e rallentata l’assunzione del foraggio.

Offrire la paglia separatamente può essere una variante durante l’allevamento, in quanto al cavallo piace sgranocchiare la paglia durante l’arco della giornata, deve essere tuttavia evitata un’eccessiva quantità. Gli esperti del foraggio consigliano di ridurre la quantità di paglia a circa 1 Kg al giorno per 100 Kg di massa corporea. Soprattutto gli animali più anziani non dovrebbero assumere troppa paglia, in quanto, a causa della ridotta attività di masticazione, potrebbero verificarsi delle costipazioni.

Prima dell’utilizzo sminuzzarla nelle razioni miste è ideale anche l’utilizzo nelle razioni miste, per esempio nei foraggi ricostituenti, come pure nei chicchi di grano. Per tale utilizzo si è dimostrato molto utile sminuzzare la paglia per ottenere una miscela omogenea.

Tuttavia la lunghezza della paglia sminuzzata dovrebbe essere di almeno 5 cm, per prevenire ferite o coliche. Per l’impiego della paglia negli allevamenti dei cavalli, sia per lettiera che come foraggio, utilizzare sempre paglia di ottima qualità. In nessun caso utilizzare della paglia danneggiata da muffa o da virus. Anche partite di paglia molto inquinata, per esempio da polvere, terra, muffa o erbacce, non dovrebbe essere utilizzata.

Per la scelta della paglia, di regola, dovrebbe essere usato lo stesso parametro di qualità che si usa per per la scelta del fieno per il foraggio.
PB (agrar-press)

CHI UTILIZZA PAGLIA NECESSITA DI UNA MACINA ADEGUATA.
La TRINCIAPAGLIA mod. TPF sminuzza in un batter d’occhio la paglia sciolta o pressata nella lunghezza desiderata: da di 1-2 cm fino a 10 cm, a secondo dell’utilizzo, sia come lettiera che come foraggio.
 

LETTIERA DI PAGLIA PER CAVALLI, IN SOSTITUZIONE DEI TRUCIOLI DI LEGNO E DELLA SEGATURA?
(tratto da:HAFLINGERaktuell)

Si, ma corta e sminuzzata, perché:
- Con la paglia corta si ottiene uno spessore uniforme della lettiera
- Gli animali trascinano di meno la paglia corta con le gambe. (comfort)
- La paglia corta e sminuzzata assorbe meglio l’urina. (Risparmio della paglia).
- Dalla paglia corta le fiande possono essere rimosse più facilmente. (tempo)
- Si eliminano più facilmente i punti bagnati. (Risparmio della paglia)
- Grazie al migliore assorbimento della paglia corta, anche l’ammoniaca si lega meglio. (Migliore aria nella stalla)

Risultato:
Con la paglia lunga sminuzzata si ottiene un risparmio di paglia di ca 1/3. Pertanto si acquista, si deposita, si lavora e si smaltisce un 1/3 di paglia in meno. Con meno paglia e meno volume si riduce ad un terzo il volume originario del letamaio.

Ciò significa rimuovere 2/3 in meno di sterco, una superficie di deposito ridotta oppure intervalli più lunghi per lo smaltimento del letamaio. Il letame si decompone prima e può essere applicato più velocemente sul terreno.

Lo spandiletame lavora più facilmente, il materiale sparso attecchisce più velocemente. Il letame è più pregiato, perché non inacidisce il terreno. (Pochissimi problemi per l’acquirente)