EcoPlus
Razze equine
Asino Pantesco
Vedi la foto Gallery
con le immagini dei cavalli inviate dai lettori del portale.
LUOGO DI ORIGINE:
Pantelleria (Regione Sicilia).
ATTITUDINI:
Soma e produzione mulina.
POPOLAZIONE:
Cavallo di interesse nazionale.
ALTEZZA AL GARRESE:
Da 1,25 - 1,40 m.
MANTELLO:
Morello, baio oscuro, pelo corto e liscio, molto lucido, untuoso al tatto, asai diverso sa quello di altre razze, di solito lanoso e opaco. Muso quasi bianco, addome e faccia interna delle cosce bianche. Scarsi crini nella coda.
CARATTERISTICHE:
Vivace, nevrile, buon ambiatore.
STANDARD DI RAZZA:
- Testa: piccola, asciutta, con grandi occhi. Fronte larga, orecchie piccole, mobili e ben portate;
- Collo: lungo e muscoloso;
- Petto: largo;
- Linea dorso lombare: lunga e dritta;
- Spalla: obliqua, forte;
- Torace: molto sviluppato;
- Groppa: larga;
- Arti: molto robusti, muscolosi, con articolazioni asciutte e larghe;
- Zoccoli: larghi, robustissimi al punto da non richiedere ferratura;
- Circonferenza toracica: 140 - 160
- Circonferenza stinco: 16 - 20

DIFETTI CHE COMPORTANO L´ESCLUSIONE DAL REGISTRO ANAGRAFICO
- Mantello: diverso da quello tipico;
- Occhi: occhio porcino;
- Taglia: marcatamente diversa dallo standard.

Lo Standard è stato definito da appositi Gruppi di Lavoro; sono stati effettuati i riscontri di campo e sono successivamente intervenute delibere di approvazione da parte della Commissione Tecnica Centrale.
DATI STORICI:
In passato l´asino di Pantelleria, originario dell'omonima isola del circondario di Trapani, era molto importante per l´economia locale e rinomato al punto di essere ricercato da allevatori stranieri, mercanti, proprietari di circhi e produttori di muli. L´origine della razza è dovuta ad incroci tra soggetti di razza africana e soggetti siciliani provenienti dal ragusano.
Grande camminatore, oltre alla sicurezza del passo su tutti i terreni, riusciva a mantenere alte medie.
Ci sono stati periodi in cui nell´isola venivano organizzate gare di velocità su pista che registravano tempi molto bassi, come i record di 25 km orari su un percorso in piano di alcuni chilometri.
Straordinario ambiatore, nel lavoro ordinario poteva sostenere per qualche ora al tiro leggero l´andatura di 15 km l´ora e trovava molti che lo utilizzavano come cavalcatura comoda e rapida su tutti i terreni, tanto da essere di gran lunga preferito al cavallo.


R. Baroncini (1987) "L´asino il mulo il bardotto"


LEGGI L'ARTICOLO DI APPROFONDIMENTO SULL'ASINO PANTESCO

Equigomma NonsoloCavallo Cover Technology Horse Point Luce EcoPlus Zooriz Gianni Guidolin Bianchi carrozze Sartore Pierluigi & C. Oli essenziali