Guidolin Equibar
Razze equine
Tolfetano
Vedi la foto Gallery
con le immagini dei cavalli inviate dai lettori del portale.
LUOGO DI ORIGINE:
ITALIA Monti della Tolfa ed entroterra viterbese: comuni di Allumiere e Tolfa (Regione
Lazio).
ATTITUDINI:
Monta da lavoro e soma. Conserva in larga misura le caratteristiche originarie della razza Maremmana tradizionale.
POPOLAZIONE:
Cavallo di interesse nazionale.
ALTEZZA AL GARRESE:
Maschi: 150
Femmine: 147
MANTELLO:
Baio, morello, grigio e sauro;
CARATTERISTICHE:
Temperamento vivace e generoso, cavallo resistente alle avversità e frugale.
STANDARD DI RAZZA:
- Testa: proporzionata, anche con profilo leggermente montanino;
- Collo: ben attaccato, abbastanza corto, a base larga, con criniera folta;
- Spalla: breve e poco inclinata;
- Garrese: muscoloso e poco rilevato;
- Dorso: può presentare una leggera depressione;
- Lombi: ben attaccati, possono essere leggermente depressi;
- Groppa: ben sviluppata, di conformazione regolare, inclinata;
- Petto: non molto ampio, in armonia;
- Torace: poco profondo, in armonia;
- Arti: piuttosto brevi, forti con barbette folte e lunghe;
- Articolazioni: forti e asciutte;
- Andature: energica, elastica ed agile;
- Appiombi: regolari;
- Piede: resistente, di ridotte dimensioni
- Circonferenza torace: maschi 170, femmine 160
- Circonferenza stinco: maschi 20, femmine 19

DIFETTI CHE COMPORTANO L´ESCLUSIONE DAL REGISTRO ANAGRAFICO
- Mantello: diverso da baio, morello, grigio o sauro;
- Balzane: se estese sopra del nodello;
- Taglia: marcatamente diversa dallo standard.

Lo Standard è stato definito da appositi Gruppi di Lavoro; sono stati effettuati i riscontri di campo e sono successivamente intervenute delibere di approvazione da parte della Commissione Tecnica Centrale
DATI STORICI:
L'origine dei nome è dovuta all'omonimo comune di Toffia che si estende all'estremo nord della provincia di Roma. La discendenza è certamente antica, ma sono poco documentate le varie influenze sul tipo genetico: dal culto per i cavalli Berberi della Roma rinascimentale alle probabili importazioni in epoca papalina e durante l'occupazione francese. Anche più recenti apporti di sangue di opposte tendenze, tra il leggero ed il pesante, non hanno disperso questa popolazione così resistente e frugale.
La selezione naturale di un ambiente tra i più ostili e scarno di risorse, come i Monti della Tolfa, nonchè la tradizione locale, hanno consentito la conservazione di questo patrimonio genetico.

G. Morra (1982) "Il Cavallo Maremmano Tolfetano"
Equigomma NonsoloCavallo Equitation Technofitness Cover Technology Horse Point Luce EcoPlus Zooriz Gianni Guidolin Bianchi carrozze Sartore Pierluigi & C.